Tradi Radio è la web radio della Rete Italiana di Cultura Popolare, nata nel 2013 con l’obiettivo di essere un luogo in cui raccontare riti, feste, tradizioni e modelli di socialità contemporanei. Nel 2020 si trasforma in una vera e propria piattaforma culturale, lavorando per accorciare le distanze sociali, rispettando quelle fisiche, trasmettendo tutti i giorni e ospitando Festival, Teatri e attività culturali realizzate con enti pubblici e privati, scuole, associazioni e artisti.

30.000

Ascoltatori
All’anno

28.000

Attivi

2.000

Podcast

Podcast e Programmi della web radio

webradio

Podcast e Programmi della web radio

webradio

Il tempo dell’oggi  – L’Afghanistan

Un extra tempo ideato per Summertime – Non avere paura in cui parlare e ascoltare durante i lunedì dello Spaccio di cultura di ciò che sta accadendo in Afghanistan. Lunedì 30 agosto, 6 e 13 settembre ore 18.30 in piazza e in diretta su www.tradiradio.org.

Le parole che curano live

Un viaggio, radiofonico e dal vivo, in cinque luoghi speciali per un’unica narrazione guidata da Antonio Damasco in una diretta costruita insieme al pubblico e ai suoi stati d’animo, grazie alla radio che va ad abitare piazze, terrazzi e cortili.

24 settembre ore 20.30 | Piobesi T.se

#Dantepopolare

Il progetto #Dantepopolare, realizzato dal Fondo Tullio De Mauro, con Fondazione CRT e l’AICS, ogni mese trasmette una diretta radiofonica, fino a novembre, fatta di terzine in dialetto e tanti ospiti da tutta la penisola.

23 settembre ore 18:00

Festival delle piccole storie

I podcast delle due edizioni del Festival nato dalla piazza dello Spaccio di cultura – Portineria di comunità, con le piccole e grandi storie di abitanti, commercianti, luoghi e saperi.

Il Potere delle Parole

La rassegna che raccoglie l’eredità di Tullio De Mauro, riflettendo sul significato delle parole e sul loro uso. Tanti ospiti che si occupano di lemmi che verranno inseriti nel Dizionario che cura le parole.

PFP – web radio

Programma Fuori Programma, nato in collaborazione con i ragazzi e le ragazze delle scuole torinesi durante il periodo di lockdown come strumento di dialogo e scambio per la giovane redazione della web radio.